24 C
Rome
sabato, Agosto 13, 2022

Marco Macrì  lancia la  Colomba Pasquale alla ‘nduja  firmata ‘Ndujattone

Marco Macrì ha colpito ancora! Dopo il grande successo del suo panettone alle gocce di ‘nduja di Spilinga, arriva la versione formato Colomba Pasquale. Un esperimento targato 2022; per la prima volta infatti  il mastro fornaio calabrese, noto per il suo ‘Ndujattone, ha sperimentato il lievitato tutto dedicato alla ricorrenza pasquale. Visto la grande richiesta del famoso panettone a lievitazione naturale, che è passata da 250 pezzi il primo anno, oramai nel 2017, a più di 5000 nel 2021, diventando un vero e proprio brand esportato anche in gran parte d’Europa, perché non provare anche con la colomba artigianale? E quella di Macrì è in assoluto l’unica e sola alla ‘nduja. “Un prodotto unico nel suo genere che entra nel cuore con una novità in grado di coniugare sapere antico ed innovazione”.

Chi è Marco Macrì, l’inventore dello ‘Ndujattone?

Classe 1985, nato  a Caulonia, in provincia di Reggio Calabria, Marco Macrì, si è dapprima dedicato a studi di marketing ed economia,  ma poi ha iniziato il suo percorso nel mondo della gastronomia, sua grande passione,  come proprietario di una pizzeria da asporto. Una sera, un po’ per gioco un pò per sfida con i suoi clienti e amici, insieme alla moglie ha voluto tentare la preparazione di un panettone tutto casalingo nello stesso forno delle pizze. Sul condimento del lievitato la scelta è ricaduta, neanche a dirlo, sulla ‘nduja e non a caso, perché un simbolo gastronomico indiscusso della sua regione, la Calabria. L’esperimento piacque a molti, tant’è che passò alla sua commercializzazione e contemporaneamente, sfruttando i suoi studi di marketing, anche ad una efficace comunicazione del prodotto. Negli ultimi anni tutto è andato così veloce che oggi, con la vecchia pizzeria oramai chiusa, Marco si è riversato nel mondo del turismo e della ristorazione, con l’apertura e la gestione di un villaggio turistico, il Calypso Touring&Services, uno stupendo angolo di paradiso calabrese,  nel quale Macrì ha adibito anche il suo prezioso e innovativo laboratorio di pasticceria,  immerso tra agrumeti e palme, e dal quale sforna le sue incredibili creazioni di lievitati.

La nuova Colomba artigianale alla ‘nduia

Fermo restando l’altissima qualità dei prodotti provenienti da eccellenti materie prime, da quest’anno la creatività nell’arte bianca di Macrì si è sbizzarrita anche a Pasqua, trasferendo l’idea piccante, salata e gustosa della ‘nduia anche alla colomba; sempre nel rispetto di una ricetta semplice e naturale senza nessun uso di conservanti, né additivi. Gli ingredienti sono scelti con cura e preparazione  avvalendosi di una indiscussa professionalità e tecnica: farina “00”, acqua, ‘Nduja di Calabria12% (grasso di suino, carne di suino, peperoncino dolce e piccante, sale), zucchero, tuorlo d’uovo, burro,uova fresche di categoria A, sale, latte, cioccolato bianco,lievito naturale. Una procedura lenta che richiede tempo,  tre giorni di lievitazione per una sofficità d’impasto e una morbidezza senza uguali, un gusto che trova il suo equilibrio  tra la dolcezza del lievitato e la piccantezza dell’insaccato di carne e spezie. Una consistenza inaspettata. Un mix di aspetti che denotano la passione e l’amore del suo ideatore.

Un prodotto, quindi, che non va (e non viene) inteso come strettamente legato alla ricorrenza pasquale; infatti come anche per il panettone, la colomba alla ‘nduja si distingue dalla versione classica per la sua leggerezza e conservabilità e  può essere gustata in ogni momento dell’anno; è molto richiesta per accompagnare aperitivi di ogni genere, in abbinamento a creme salate e dolci, confetture, salumi e formaggi, vini , bollicine o distillati.

Come è successo anche per il panettone ‘Ndujattone, anche la colomba, pur essendo un dolce dalle origini prettamente meneghine, Macrì ha saputo “calabresarlo” nel modo più puro e originale, aggiungendovi un gusto al 100% calabrese (come già aveva fatto del resto con la liquirizia e lo zafferano).

Le altre deliziose creazioni di Macrì

Le altre novità 2022 sfornate da Macrì, oltre alla colomba alla ‘nduja, troviamo: Pistillo, colomba al cioccolato bianco e zafferano di Calabria. Zagara, una colomba agli agrumi di Calabria, con essenza di arancia,  bergamotto e cedro con la spalmabile agli agrumi di produzione propria. Mentre, già in produzione  ritroviamo: Liquirella (versione del panettone Vortice Nero) con la crema di liquirizia di Calabria. Camella, con rum, cicoccolato gran cru e caramello salato; Pischella al pistacchio con  annesso barattolo di crema al medesimo gusto; BergAmò, al bergamotto. Infine, immancabile, la colomba classica (o quasi) che però si contraddistingue dalla milanese per i canditi, che in questa versione calabrese sono assenti, ma con la scorza di arancia candita in casa ridotta in pasta.

I riconoscimenti per ‘Ndujattone

Spesso presente nelle fiere, saloni ed eventi nazionali che riguardano tale settore, da Milano a Roma fino a Reggio Calabria, i prodotti di Macrì sono presenti per l’assaggio in tutta Italia e la lorò bontà non è passata inosservata in questi ultimi anni. Nell’attesa di vedere l’accoglienza e i riscontri della new entry in casa ‘Ndujattone, l’estro e la professionalità di Macrì sono stati riconosciuti già in diversi ambiti: è stato premiato come uno dei migliori panettoni “creativi” del 2019 da La Repubblica; ancora  al “Panettone Summer Contest 2020”, lo speciale evento firmato  Fiera Nazionale del Pandoro e del Panettone, lo ‘Ndujattone si è aggiudicato ben due riconoscimenti, il 2° posto nella categoria “Miglior panettone estivo” e il 3° posto in quella “Miglior Packaging”. Senza tralasciare che per la Pasqua 2021 è stato inserito nelle classifiche delle migliori colombe artigianali dell’anno da diverse magazine di settore. 

Primo Piano

Ultimi articoli