11.8 C
Rome
lunedì, Luglio 4, 2022

Trasparenza e tracciabilità del cibo con Foodchain, giovane startup lombarda

La garanzia del consumatore non può non avvenire tramite il controllo sulla trasparenza e la tracciabilità dei prodotti alimentari. Da questo presupposto nasce FoodChain, giovanissima startup, ospitata presso Il Parco Scentifico Tecnologico ComoNext di Lomazzo, che sfrutta la blockchain per aumentare la trasparenza nel settore del food.

L’idea nasce da Marco Vitale, co-fondatore, ingegnere meccanico con specializzazione in progettazione industriale e amministratore unico di Block (ruolo che tutt’ora conserva) che ha curato in prima persona lo sviluppo e la realizzazione di macchinari per la validazione dei dati con crittografia asimmetrica.

Marco è affiancato da Domenico Canzoniero l’anima marketing della società, in cui ha messo le proprie competenze in campo food, dove ha dato vita a progetti (fra questi Green Retail Forum & Expo, iXorto@Work e Greenpallet) votati all’innovazione sostenibile del settore.

L’obiettivo principale è rendere la trasparenza un asset imprescindibile di ogni attore della filiera alimentare per garantire la provenienza, la qualità e il valore del cibo nell’interesse di chi produce e a tutela di chi consuma. Rendere tracciabile, insomma, la storia anche di un singolo ortaggio, dal seme allo scaffale.

Ma come funziona? FoodChain traccia i prodotti alimentari dall’origine fino al consumatore finale utilizzando la tecnologia blockchain (letteralmente “catena di blocchi”). Grazie all’applicazione di codici QR-code ed un’applicazione, il consumatore potrà ottenere varie informazioni sull’articolo, reso univoco proprio grazie all’apposizione del QR code.

Vengono raccolti tutti i dati fondamentali delle materie prime (geolocalizzazione, foto, video) e ne vengono garantiti autenticità e origine. Il processo viene ripetuto per ogni passaggio della filiera produttiva, riuscendo ad ottenere un elevato grado di trasparenza della filiera stessa. Una volta che il prodotto sarà sullo scaffale, al consumatore basterà accostare il proprio smartphone al QR-code per avere accesso a queste importanti informazioni. La spesa non diventa solo intelligente, ma consapevole. attraverso l’accostamento del proprio smartphone al QR-code, avere accesso a queste importanti informazioni.

Primo Piano

Ultimi articoli