3.8 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022

Fondazione Cotarella. Alimentarsi di vita

Orvieto ha visto un ritorno in grande stile e un teatro gremito di persone, dopo lo stop dello scorso anno, per la presentazione, in anteprima, del nuovo progetto firmato Cotarella Sisters’: Fondazione Cotarella che mira a supportare e sostenere i giovani e promuovere stili di vita sani dove il cibo e la natura sono centrali.

La Fondazione nasce il 17 aprile 2021 ma in questi mesi ha avuto modo di mettere a punto idee e programmi che promuovano un’alimentazione equilibrata a partire dall’infanzia e contribuiscano a portare avanti studi e ricerche scientifiche nel campo dell’agroalimentare con progetti di sviluppo del territorio, modelli innovativi finalizzati alla rivalorizzazione delle aree rurali e alla realizzazione di villaggi intelligenti, progetti di riabilitazione e di cura.

Tutto questo in una terra speciale quale è l’Umbria, ai confini con l’alto Lazio, in un crocevia di tradizioni e di segni che la storia ci chiede di conoscere e di tramandare. Proprio qui nasce e opera Fondazione Cotarella attraverso molteplici sedi: da Fattoria Tellus, la fattoria integrata inclusiva, che ospita attività ed esperienze dedicate ad alimentazione e natura, alle Residenze Esperienziali che accoglieranno le persone che hanno bisogno di ritrovare sé stesse e un rapporto più equilibrato con l’ambiente e il cibo, fino alla Scuola di Formazione, all’Osservatorio e Centro Ricerche riservati a studi approfonditi sul tema sopracitato e dei disturbi correlati.

Di tutto questo se ne è parlato in anteprima il 13 Dicembre 2021 presso il “Teatro Mancinelli” di Orvieto, dove Dominga Cotarella ha magistralmente condotto la serata con una frase d’esordio che anticipava grandi cose per il 2022: “Da oggi in poi la nostra vita cambia. Da oggi nasce Fondazione Cotarella. Oggi vogliamo raccontare quanto sia importare donare, e donarsi agli altri, e come questo esprima l’importanza del servizio. Partiremo dal creare un ambiente che prende spunto da una terra meravigliosa: l’Umbria, ma anche la Tuscia, dove siamo nate e cresciute”.

Ad affiancarla sul palco Ruggero Parrotto, direttore di Fondazione Cotarella, che ha voluto evidenziare, con un esempio, “come sia duro ricominciare quando si esce da una fase difficile perché è da lì che comincia la vera salita. Per questo con Fondazione vogliamo lavorare sul dopo, sull’importanza della genitorialità, dell’empatia, della fragilità, dell’accoglienza, della natura”. 

La serata è stata un intercalare di emozioni e racconti dei personaggi che hanno dato voce chi alla loro esperienza e chi al loro pensiero riguardo l’importanza di un progetto come Fondazione Cotarella: da Olga Urbani, Presidente Gruppo Urbani Tartufi, a Luigi Mazzone, esperto Neuropsichiatra Infantile Policlinico Tor Vergata per cui “nel 50/60 % dei casi di bambini autistici c’è anche un disturbo del comportamento alimentare”.

Illustri presenze, poi con: Tomaso Trussardi, Owner Trussardi Group – Chairman and Founder Fast Cars Slow Food, che ha raccontato come anni fa ha avuto un caso di “disturbo alimentare” in famiglia;

Elisabetta Franchi, nota stilista che ha sacralizzato la tavola definendola “un posto dove si parla e si sta insieme in cui è importante capire cosa per alimentarsi e vivere bene”; 

Sara Farnetti, esperta in Nutrizione Funzionale Medica, che ha specificato come “il cibo è sempre stato visto come estremo edonismo e mortificazione, mentre il cibo è uno strumento di cui dobbiamo rivalutare l’efetto funzionale che ci nutre e ci fa stare bene”; 

Martina Colombari, nota attrice e modella, che da sempre si occupa di problemi legati all’infanzia e frequenta, da anni, una comunità che si dedica a chi ha difficoltà DCA, “incontri che per me sono un regalo che faccio a me stessa e alle ragazze che incontro lì”;

Elena Alberti, Managing Director e CFO della Penske Automotive Italy, che ha cominciato la sua carriera lavorando in pizzeria definendola “una palestra di vita” per una gran voglia di indipendenza e dove ha imparato cosa sia il sacrificio.

Momento di forte pathos quello in cui Enrica Cotarella, a sipario chiuso e in solitaria sul palco, ha voluto mettere a nudo le sue esperienze di disturbi alimentari. Dopo di lei hanno fatto lo stesso alcune ragazze di Intrecci.

Non poteva mancare l’attenzione al mondo della Sala e dell’ospitalità: sul palco erano presenti alcuni restaurant manager delle migliori sale stellate italiane – Giuseppe Palmieri, Osteria Francescana, Lukas Gerges, Rosa Alpina, Sebastien Ferrara, Enrico Bartolini, Matteo Bernardi, Le Calandre, Gianni Sinesi, Ristorante Reale, Matteo Zappile, Il Pagliaccio, Premio Servizio di Sala 2022 per la Guida Michelin – moderati da Alessandro Rossi, direttore di Forbes.

A chiusura lavori è stato proiettato il video realizzato per la Fondazione con la musica “Field of Gold” di Sting e la voce narrante di Francesco Pannofino, che apre il sito di Fondazione Cotarella ed è stato annunciato l’evento di presentazione fissato nella tarda primavera del 2022 a Roma.

Dopo il momento di riflessione e confronto ospitato al Teatro Mancinelli, tutti relatori e alcuni ospiti si sono spostati presso il suggestivo Palazzo del Capitano del Popolo di Orvieto, sempre nel centro storico della città, per una cena conviviale (in allegato il menu) il cui servizio è stato curato dai ragazzi di Intrecci e durante la quale è stata fatta un’asta benefica che comprendeva una ventina di lotti fra i quali opere d’arte, prodotti fashion e di alto, accessori moda esclusivi o personalizzati, vini pregiati e Champagne in formato Magnum, tartufi, cena stallate e soggiorni in località esclusive.

Il ricavato della serata, devoluto interamente a Fondazione per lo sviluppo dei primi progetti che prenderanno avvio nella primavera del 2022, è stato di circa 35.000 euro.

Primo Piano

Ultimi articoli